• facebook
  • twitter
  • youtube
  • Saper lavorare - L'essenziale in 5 eBook

    Lavorare in vacanza

    Turismo e ristorazione sono i settori del futuro

    Sono ristorazione e food&beverage i settori in cui le aziende nei prossimi anni investiranno sempre di più e dove si genereranno di conseguenza maggiori posti di lavoro.
    Ad affermarlo è la Georgetown University che ha stilato la classifica delle professioni più richieste da qui al 2018. Lo studio rivela che entro i prossimi 6 anni, 3 posti di lavoro su 6 saranno creati nel settore turismo e benessere, ovvero in ambiti in cui, a titolo diverso, ci si prende cura della persona, del suo divertimento e del suo benessere.

    Oggi il settore turistico in Italia rappresenta il 12% del Pil e siamo il quinto paese più visitato al mondo con circa 43 milioni di turisti l’anno. Il nostro paese offre 4 milioni 350mila posti letto totali, distribuiti fra oltre 33mila alberghi con più di 2 milioni di posti letto in 1 milione di camere, ma anche 2.400 tra campeggi e villaggi (1.300.000 posti letto), oltre 12mila agriturismi e 10mila bed&breakfast, senza contare gli alloggi in affitto.

    Le figure professionali che a breve conosceranno un boom saranno quindi quelle del settore “accoglienza” a partire dalla ristorazione, da quelle tradizionali a quelle a quelle di più recente comparsa: camerieri ai piani, addetti alle pulizie, manutentori, animatori, istruttori, addetti al benessere (estetisti, massaggiatori, responsabili Spa), governanti, receptionist, addetti al ricevimento, accompagnatori e guide turistiche, manager, impiegati amministrativi, addetti alla contabilità e al personale, cuochi, camerieri, pasticceri, barman, fino ai direttori di hotel, ai revenue manager, social media manager e personal shopper.

    Per essere sempre aggiornati sulle nostre news e sugli annunci di lavoro, seguiteci su Facebook!

    Sfoglia gli ANNUNCI DI LAVORO

    Redazione Global Publishers
    Fonte: Jobtel



    Nella Categoria: CarriereGallery

    Tags:

    Informazioni sull'Autore:

    RSSCommenti (0)

    Trackback URL

    Invia una risposta